Tumori alla vulva

Per saperne di più

Un approfondimento sulle patologie d'organo curate presso il nostro centro Gemelli ART

ANATOMIA

La vulva è la parte più esterna dell’apparato genitale femminile ed è costituita dal vestibolo, le grandi e le piccole labbra e il clitoride

EPIDEMIOLOGIA

I tumori della vulva non sono molto frequenti e rappresentano circa il 5% di tutti i tumori ginecologici.
La patologia può colpire persone di tutte le età, ma nella maggior parte dei casi la diagnosi riguarda donne dai 70 anni in su.

FATTORI DI RISCHIO

L’età (>70 anni) e stili di vita non salutari (tabagismo) rappresentano i fattori di rischio più comuni per lo sviluppo dei tumori della vulva. Anche l’infezione di virus quali HPV e HIV e stati di immunodeficienza possono essere legati all’aumento del rischio di tumore di vulva. Altre condizioni come la presenza di neoplasia intraepiteliale vulvare (VIN, una condizione precancerosa), altri tumori dell’area genitale, lichen sclerosus o melanoma o nevi (nei) atipici rappresentano fattori di rischio per lo sviluppo del carcinoma vulvare.

ISTOLOGIA

L’istologia più frequente è rappresentata dal carcinoma squamoso che può essere a sua volta suddiviso in cheratinizzante (presente soprattutto in donne anziane e non legato alla presenza di infezione da HPV) o verrucoso (assume l’aspetto di una verruca a crescita lenta e ha in genere una buona prognosi). Quando invece il tumore nasce da una cellula ghiandolare prende il nome di adenocarcinoma (8 casi/100, in particolare le cellule di Bartolini). Meno comuni, ma comunque presenti sono anche i melanomi (6% dei tumori vulvari, specialmente in clitoride e piccole labbra) e i sarcomi (2% dei tumori vulvari). La bassa incidenza di questa neoplasia obbliga l’invio della paziente in centri di riferimento, per il trattamento.

SINTOMI

I tumori della vulva possono essere del tutto asintomatici almeno nelle prime fasi o dare origine a sintomi generici attribuibili anche ad altre patologie non di tipo oncologico. Nel caso di sintomi sospetti è meglio comunque rivolgersi al proprio medico o al ginecologo.

La lesione vulvare precancerosa in genere è asintomatica o si presenta, in alcuni casi, con un prurito che non passa o con arrossamenti e cambiamenti cutanei anomali. I sintomi delle fasi iniziali sono cambiamenti nell’aspetto di un’area della pelle della regione vulvare interessata che appare più sottile, oppure più rossa o più scura delle aree circostanti. Nelle forme avanzate, la maggior parte delle donne si presenta al medico con una tumefazione, associata a prurito, e talvolta a dolore o bruciore o sanguinamenti soprattutto nelle forme avanzate. Come per il melanoma di altre regioni del corpo, anche quello vulvare si presenta come un nevo che cambia aspetto o che compare ex novo e presenta le caratteristiche tipiche dei nei maligni (asimmetria, bordi frastagliati, colore non uniforme e diametro superiore a 6 mm).

PREVENZIONE

I controlli ginecologici periodici possono essere decisivi nella prevenzione in quanto permettono di scoprire eventuali lesioni pre-cancerose che negli anni potrebbero trasformarsi in un tumore. Una volta identificate mediante visite ed esami specifici, le VIN possono essere trattate nel modo più opportuno eliminando il rischio che evolvano in tumore. Infine, anche un auto-esame mensile della vulva, può aiutare a identificare precocemente cambiamenti sospetti da sottoporre all’attenzione del medico.

DIAGNOSI

La diagnosi inizia con una visita ginecologica nel corso della quale lo specialista valuta i sintomi, effettua un esame completo della zona genitale, raccoglie informazioni sulla storia medica e familiare e, se lo ritiene necessario, effettua o prescrive ulteriori esami. Nel caso di aree “sospette” si procede con la biopsia che permette di stabilire o escludere con certezza la presenza di tumore. Una volta diagnosticato con certezza il tumore, si procede con altri esami per capire se la malattia si è diffusa anche in altri organi: risonanza magnetica, TC, PET-TC e, in alcuni casi, cistoscopia o la rettoscopia.

EVOLUZIONE

Lo stadio dei tumori della vulva viene assegnato utilizzando il sistema di stadiazione FIGO (International Federation of Gynecology and Obstetrics) combinato con quello dell’AJCC (American Joint Committee on Cancer) e si basa sui criteri TNM, dove T si riferisce all’estensione della malattia, N al coinvolgimento dei linfonodi e M alla presenza di metastasi.

COME SI CURA

Fondamentale è un approccio multidisciplinare. Ginecologo oncologo, Radioterapista oncologo, Oncologo medico, Radiologo, Anatomo-patologo definiscono il miglior approccio terapeutico per ogni singola paziente. Infatti, la scelta della terapia dipende da numerosi fattori quali lo stadio di malattia, l’età e le condizioni fisiche della paziente.
Presso il Policlinico Gemelli è presente un team multidisciplinare (Vul.Can Team) dedicato alla patologia vulvare, responsabile delle strategie e della gestione del trattamento personalizzato. È strutturato in un core team che comprende due membri dedicati (uno senior e uno giovane) per sette specialità centrali: radioterapista oncologo, oncologo ginecologico, chirurgo plastico, radiologo, oncologo medico, medico di medicina nucleare e patologo. Il gruppo di specialisti di supporto comprende un membro dedicato per ciascuna specialità complementare: oncologo geriatrico, infettivologo, chirurgo generale, urologo, nutrizionista, anestesista della terapia del dolore, psiconcologo, fisiatra e fisioterapista. Inoltre, un’ostetrica si dedica alla gestione dei casi e un’infermiera fornisce cure avanzate delle ferite. Un numero complessivo di circa 260 casi viene discusso annualmente all’interno del Multidisciplinary tumor board: circa 120 sono indirizzati a procedure chirurgiche, di cui circa 30 abbinate a chirurgia plastica, 50 a valutazione radioterapica, 15 a chemioterapia e 10 a elettrochemioterapia.

La chirurgia è un’importante opzione di trattamento e l’intervento può essere più o meno invasivo a seconda dei casi. A differenza di quanto accadeva in passato, la chirurgia di questi tumori è oggi sempre meno invasiva e cerca di tener conto anche dell’impatto psicologico che un intervento troppo demolitivo può avere sulla vita sessuale e di relazione della donna. La chirurgia laser o trattamenti topici, per esempio, sono efficaci per le VIN, ma non per i tumori invasivi. In quei casi si ricorre alla chirurgia tradizionale che prevede l’asportazione dei tessuti interessati dal tumore e, se necessario, anche la successiva ricostruzione delle parti rimosse.

In caso di stadi avanzati il trattamento di scelta è rappresentato dalla combinazione della radioterapia a fasci esterni con la chemioterapia. La radioterapia a fasci esterni utilizza raggi X prodotti da un’apparecchiatura chiamata acceleratore lineare, costituita da una testata che ruota intorno a un lettino sul quale è posizionato il paziente. Le radiazioni attraversano la cute e rilasciano la dose prestabilita all’interno dell’area da irradiare. La dose totale da somministrare è suddivisa in sedute giornaliere di breve durata (dette anche frazioni) allo scopo di danneggiare il meno possibile le cellule normali rispetto a quelle tumorali, riducendo in tal modo gli effetti collaterali del trattamento. Normalmente, il ciclo di trattamento prevede una seduta al giorno per cinque giorni a settimana con una pausa nel week-end. In questi casi, al termine del trattamento radio–chemioterapico si può valutare l’appropriatezza di un trattamento di radioterapia interventistica (brachiterapia). La radioterapia interventistica, è una particolare modalità radioterapica che permette di irradiare il tumore o il letto tumorale attraverso la proiezione di una sorgente radioattiva in particolari cateteri posizionati all’interno o a diretto contatto. Peculiarità di tale trattamento è la capacità di erogare dosi elevate al volume bersaglio risparmiando i tessuti sani adiacenti. La radioterapia o la radio/chemioterapia può essere considerata anche come modalità adiuvante dopo la chirurgia in caso di fattori di rischio per recidiva.

La malattia metastatica, nella maggior parte dei casi, prevede l’utilizzo della chemioterapia. In caso di carcinoma della vulva recidivato refrattario alle terapie standard, l’elettrochemioterapia può fornire un controllo locale della malattia e può rappresentare un aiuto nel migliorare la qualità della vita di queste pazienti. L’elettrochemioterapia è una terapia che combina basse dosi di farmaci citotossici (bleomicina o cisplatino), somministrati per via endovenosa o all’interno del tumore, con impulsi elettrici ad alta intensità che determinano attraverso l’elettroporazione un aumento della concentrazione locale del farmaco.

TEAM DI CURA

Presso il Gemelli ART c’è un team dedicato alla gestione del tumore della Vulva

Responsabile per la patologia vulvare: Dott. Luca Tagliaferri
Team: Dott.ssa Valentina Lancellotta, Dott. Bruno Fionda, Dott. Calogerò Casà

E’ possibile prenotare visite presso gli ambulatori dedicati di radioterapia per la patologia vulvare in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale chiamando il numero: 06 3015 4434

E’ possibile prenotare visite in ambulatorio privato (ALPI) chiamando il numero: 06 8881 8881

We are using cookies to give you the best experience. You can find out more about which cookies we are using or switch them off in privacy settings.
AcceptPrivacy Settings

GDPR

  • Google Analytics
  • Indice RAMSI
  • Avvertenze e Privacy

Google Analytics

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

Indice RAMSI

Acconsenti alla raccolta anonima del tuo voto circa l’esperienza di navigazione in questo sito Web e all’invio di suggerimenti? La tua votazione e  i tuoi suggerimenti contribuiranno alla valutazione del nostro centro rispetto all’indice nazionale RAMSI (Radioterapia Amica Mia Smile Index)

Avvertenze e Privacy

Chi siamo

Il Gemelli ART è il centro di Advanced Radiation Therapy della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS

L’indirizzo del nostro sito web è: http://www.gemelliart.it

Avvertenze

Il Gemelli ART precisa che le informazioni presenti nel Sito costituiscono una mera informazione di massima in ordine alle patologie presentate e non sostituiscono in alcun modo l’intervento o l’opinione del medico o la sua diagnosi in relazione ai casi concreti. Conseguentemente si consiglia in ogni caso di contattare il medico di fiducia.

L’accesso e la consultazione di questo sito sono sottoposti ai seguenti termini e condizioni e alle normative vigenti. L’accesso e la consultazione del presente Sito implicano pertanto l’accettazione incondizionata di tali termini e condizioni.

Il Sito e le informazioni in esso contenute e ad esso collegate rivestono esclusivamente scopo informativo e non costituiscono la base per alcuna decisione o azione. Pertanto l’utilizzo del Sito e di ogni altro ad esso collegato sarà sotto la diretta responsabilità e a totale rischio dell’utente.

Il Gemelli ART compie ogni sforzo per fornire informazioni il più possibile precise ed accurate, tuttavia non si assume alcuna responsabilità né fornisce alcuna garanzia sul contenuto del Sito che deve essere quindi opportunamente valutato dal visitatore.

Il Sito rispecchia in pieno la filosofia del Gemelli ART.

In particolare, il Gemelli ART non potrà essere ritenuto responsabile per difetti di accuratezza, completezza, adeguatezza, tempestività delle informazioni contenute nel Sito né per eventuali danni o virus che possano colpire l’attrezzatura informatica o altra proprietà del visitatore in conseguenza dell’accesso, dell’utilizzo o della navigazione del Sito. il Gemelli ART si riserva il diritto di interrompere o sospendere in qualsiasi momento le funzionalità del Sito senza che ne derivi l’assunzione di alcuna responsabilità a proprio carico.

Le informazioni presenti nel Sito potrebbero contenere errori tecnici o tipografici. il Gemelli ART si riserva il diritto di apportare in ogni momento e senza preavviso modifiche, correzioni e miglioramenti alle predette informazioni, ai prodotti e ai programmi.

Link

Nel Sito sono inoltre presenti collegamenti (link) ad altri siti di terze parti, ritenuti di interesse per il visitatore. Con il collegamento a tali siti, si esce dal presente Sito per libera scelta e si accede ad un sito di proprietà di terzi, quest’azione sarà segnalata con apertura di una finestra di warning. Le informazioni contenute in tali siti possono non essere in linea con le disposizioni del dlgs 541/92 che regola la pubblicità dei medicinali per uso umano e sono comunque del tutto indipendenti e fuori dal controllo del Gemelli ART, che non si assume alcuna responsabilità in proposito.
In ogni caso, il Gemelli ART non assume alcuna responsabilità, né fornirà alcuna garanzia circa la natura e i contenuti di qualsiasi pagina o sito web di terzi connessi al presente Sito mediante links. Tutti gli utenti dovranno quindi prendere atto che il collegamento a siti di terzi avviene sotto la propria responsabilità.

Cookies

Questo sito non utilizza cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati cookies c.d. persistenti, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Il presente sito sfrutta gli script di “Google Analytics”, anonimizzando appositamente l’indirizzo IP degli utenti; pertanto, i relativi cookies (che non consentono alcuna profilazione), sono da considerarsi meramente “tecnici”.

L’uso dei c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito, evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’utente

Contenuto incorporato da altri siti web

Gli articoli su questo sito possono includere contenuti incorporati (ad esempio video, immagini, articoli, ecc.). I contenuti incorporati da altri siti web si comportano esattamente allo stesso modo come se il visitatore avesse visitato l’altro sito web.

Questi siti web possono raccogliere dati su di te, usare cookie, integrare ulteriori tracciamenti di terze parti e monitorare l’interazione con essi, incluso il tracciamento della tua interazione con il contenuto incorporato se hai un account e sei connesso a quei siti web.

YouTube

Our website uses plugins from YouTube, which is operated by Google. The operator of the pages is YouTube LLC, 901 Cherry Ave., San Bruno, CA 94066, USA.

If you visit one of our pages featuring a YouTube plugin, a connection to the YouTube servers is established. Here the YouTube server is informed about which of our pages you have visited.

If you’re logged in to your YouTube account, YouTube allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your YouTube account.

YouTube is used to help make our website appealing. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

Further information about handling user data, can be found in the data protection declaration of YouTube under https://www.google.de/intl/de/policies/privacy.

Vimeo

Our website uses features provided by the Vimeo video portal. This service is provided by Vimeo Inc., 555 West 18th Street, New York, New York 10011, USA.

If you visit one of our pages featuring a Vimeo plugin, a connection to the Vimeo servers is established. Here the Vimeo server is informed about which of our pages you have visited. In addition, Vimeo will receive your IP address. This also applies if you are not logged in to Vimeo when you visit our plugin or do not have a Vimeo account. The information is transmitted to a Vimeo server in the US, where it is stored.

If you are logged in to your Vimeo account, Vimeo allows you to associate your browsing behavior directly with your personal profile. You can prevent this by logging out of your Vimeo account.

For more information on how to handle user data, please refer to the Vimeo Privacy Policy at https://vimeo.com/privacy.

Google Web Fonts

For uniform representation of fonts, this page uses web fonts provided by Google. When you open a page, your browser loads the required web fonts into your browser cache to display texts and fonts correctly.

For this purpose your browser has to establish a direct connection to Google servers. Google thus becomes aware that our web page was accessed via your IP address. The use of Google Web fonts is done in the interest of a uniform and attractive presentation of our plugin. This constitutes a justified interest pursuant to Art. 6 (1) (f) DSGVO.

If your browser does not support web fonts, a standard font is used by your computer.

Further information about handling user data, can be found at https://developers.google.com/fonts/faq and in Google’s privacy policy at https://www.google.com/policies/privacy/.

Litespeed-cache

This site utilizes caching in order to facilitate a faster response time and better user experience. Caching potentially stores a duplicate copy of every web page that is on display on this site. All cache files are temporary, and are never accessed by any third party, except as necessary to obtain technical support from the cache plugin vendor. Cache files expire on a schedule set by the site administrator, but may easily be purged by the admin before their natural expiration, if necessary.